Privacy Policy Vai ai contenuti

Archivio

Tag: Centro Yoga Zenith Genova

meditaz
LA FELICITÀ, COME SUPERARE GLI OSTACOLI CHE IMPEDISCONO LA SUA CONQUISTA

MARTEDI’ 10 APRILE ORE 19.30
Primo incontro del nuovo ciclo di meditazioni

Durante questi 4 nuovi incontri di meditazione, si affronteranno le trappole della mente che ci impediscono di vivere e godere appieno la nostra vita. Usando la meditazione e usando la consapevolezza avremo modo di neutralizzare le varie trappole o difese, che la nostra mente fa scattare per rendere più difficile il cammino verso la felicità. Affronteremo le varie sfumature dei termini felicità, gioia, serenità e pienezza. Le tecniche adottate saranno quelle di sempre, mudra, mantra, agopunti, rilassamento, respiro etc
Sarà molto particolare ed interessante il “montaggio” di tali tecniche. Da provare

CALENDARIO INCONTRI
Aprile martedì 10
Maggio martedì 8 e 22
Giugno martedì 5

Per la partecipazione è obbligatoria la conferma
Vi aspettiamo numerosi per condividere questo spazio di crescita. Om Shanti.

Dott. Antonio Strafella
Dott.ssa Simona Cappello

Centro Studi Yoga Zenith
Corso Torino 38/2 16129 Genova
Tel. 347 9186722
[email protected]

Bagno di Gong, un cammino energetico


vishuddagong2

Quinto Chakra (Vishudda)

Sabato 17 febbraio dalle ore 17:00 alle ore 18:30

Vishuddha è il quinto chakra, è collocato all’altezza della gola ed è collegato alla comunicazione in tutte le sue forme. È preposto alla capacità di esprimersi con la parola, ma anche alla capacità di ascoltare e comprendere. Svolge un ruolo cruciale anche nella creatività, poiché ogni attività creativa presuppone spiegare a noi stessi e agli altri le nostre intuizioni profonde. In sanscrito vishuddha significa “purificazione” e questo chakra è collegato all’etere, il quinto elemento simbolo di vastità e purezza. Vishuddha si trova al centro della gola. Fisicamente è collegato alle corde vocali, alla bocca e a tutto l’apparato fonatorio, incluse le orecchie, e alla vicina ghiandola della tiroide. Il chakra libero si traduce in una voce armonica, vie respiratorie libere e muscoli della nuca rilassati. I disturbi fisici collegati a un quinto chakra in cattive condizioni sono raucedine, mal di gola, tonsilliti, disfunzioni della tiroide, dolori alle orecchie e disturbi del linguaggio. Un blocco del quinto chakra può dar luogo a incomunicabilità, difficoltà nell’esprimere le proprie idee, blocchi della creatività, eccessiva timidezza. Intimoriti dal conflitto, senza il coraggio di sostenere le proprie opinioni, si può cadere nell’insicurezza, fino a perdere di vista la propria identità.

Conduttrice Daniela Anzalone Naturopata e Suonatrice di Gong. Per la partecipazione è obbligatoria la conferma. Vi aspettiamo numerosi per condividere questo spazio sacro di unione con noi stessi e con le vibrazioni dell’universo.

Info e prenotazioni
Simona 347 9186722

[email protected]

Centro Studi Yoga Zenith
Corso Torino 38/2
16129 Genova

Evento FB

BAGNO DI GONG, UN CAMMINO ENERGETICO

anahatagong
Sabato 27 gennaio dalle ore 17:00 alle ore 18:30
Centro Studi Yoga Zenith Corso Torino 38/2 – 16129 Genova
Evento Facebook

Anahata è il più complesso e il più discusso tra i chakra, poiché collega la dimensione fisica a quella spirituale. Converte l’energia sottilissima dei centri superiori per consentirle di manifestarsi nei chakra inferiori ed essere percepibile a livello fisico. Inoltre sublima l’energia grossolana proveniente da Muladhara, Svadhisthana e Manipura, i chakra inferiori, in modo che possa manifestarsi in forma di idee, pensieri e ispirazioni. Per la sua posizione, Anahata è il chakra del cuore.All’interno del chakra sono inscritti 2 triangoli equilateri sovrapposti, uno con il vertice verso l’altro, l’altro con il vertice verso il basso. Il triangolo con il vertice verso l’alto rappresenta il principio maschile, mentre quello con il vertice verso il basso rappresenta quello femminile. Sono sovrapposti per rappresentare l’unione fra uomo e donna, che avviene a livello del cuore. Rappresenta anche l’unione fra maschile e femminile che ha luogo nelle personalità equilibrate che, pur essendo maschio o femmina, non sono totalmente maschili o totalmente femminili.Nell’area di Anahata troviamo due muscoli fondamentali: il diaframma e il cuore. Inoltre passa proprio da queste parti l’esofago, il tubo che porta il cibo dalla bocca allo stomaco. Questa è un’area dove possono concentrarsi molte tensioni. Quando il sistema nervoso è teso, per paura, ansia, o preoccupazioni reali e inventate, questa tensione viene trasmessa al diaframma. La respirazione diventa tesa, come se dovessimo metterci a correre per scappare, oppure lottare per difendere la vita.

Conduttrice Daniela Anzalone Naturopata e Suonatrice di Gong. Per la partecipazione è obbligatoria la conferma. Vi aspettiamo numerosi per condividere questo spazio sacro di unione con noi stessi e con le vibrazioni dell’universo.

Info e prenotazioni
Simona 347 9186722
[email protected]

Centro Studi Yoga Zenith
Corso Torino 38/2
16129 Genova

terzo chakra

Sabato 9 dicembre 2017 dalle 17 alle 18.30
c/o Centro Studi Yoga Zenith
Corso Torino 38/2 Genova

Manipura è situato all’altezza del plesso solare, ovvero poco più sopra, nella zona fra l’ombelico e il diaframma. Plesso etimologicamente significa “reticolo, intreccio”: nella zona del plesso solare si trovano tantissime terminazioni nervose che rispecchiano e provocano cambiamenti d’umore e stati d’animo a seconda delle condizioni del cuore, del cibo che mangiamo, della digestione, dei problemi correlati.
Manipura è il terzo chakra contando dal basso e presiede al processo digestivo e agli organi della digestione. Esercita la sua influenza anche sul sistema nervoso e sul sistema immunitario, come è logico aspettarsi, visto che l’alimentazione ha un grande impatto sia sugli stati d’animo, sia sulle capacità di difesa dell’organismo, sia sul benessere e la salute generale.
La digestione rappresenta simbolicamente la capacità di assimilare l’Universo esterno, anche attraverso lo specchio talvolta deformante dei nostri pensieri. Attraverso Manipura digeriamo il mondo esterno sia con l’alimentazione, sia con le percezioni sensoriali. Altri organi e funzioni correlate a questo chakra sono gli occhi e la vista. Analogamente alla digestione, la vista è il senso attraverso cui riceviamo molte delle informazioni del mondo esterno. Con la digestione riceviamo l’energia del cibo, attraverso gli occhi riceviamol’energia delle informazioni visive, quelle che, soprattutto nel mondo moderno, restano più facilmente impresse nel sistema nervoso e spesso ci turbano di più.
Manipura è anche il centro delle intuizioni, quelle intuizioni oscure, non razionali che ti segnalano un problema, un pericolo, oppure un’opportunità non chiara e non ancora comprensibile alla ragione. Sono le famose sensazioni che arrivano “dalla pancia”, ciò che gli anglosassoni chiamano gut feeling. Manipura è abbinato al sole e il suo elemento è il fuoco. Attraverso il controllo di Manipura si ottiene il controllo su tutto il corpo.
Manipura è il centro del potere personale e fisico. Rappresenta anche il desiderio di inglobare in sé l’Universo. Questo può trasformarsi in ingordigia alimentare oppure nel suo analogo metaforico: la fame di informazioni o la sete di potere e ricchezza. La sete di potere e ricchezza si è sempre manifestata in tutte le civiltà ed epoche. La fame di informazioni è invece relativamente più recente. Mentre anticamente poteva manifestarsi in curiosità eccessiva e inclinazione ai pettegolezzi, in seguito si è incarnata nel divoratore compulsivo di libri e nel topo di biblioteca. Oggi la versione più moderna è il divoratore di contenuti digitali, la persona che naviga compulsivamente sul web e nei social network con l’ansia di non perdere informazioni importanti.
(tratto da http://www.yogajournal.it/manipura-terzo-chakra/)

Conduttrice Daniela Anzalone, naturopata e suonatrice di Gong

Info e prenotazioni

Simona 347 9186722
[email protected]
Centro Studi Yoga Zenith
Corso Torino 38/2
16129 Genova

lettura aura
Sabato 25 novembre dalle ore 15:00 alle ore 19:00
Centro Yoga Zenith – Corso Torino 38/2 Genova

Workshop della durata di 4 ore, comprensivo di una parte teorica introduttiva al Metodo Lecopea ( Lettura Corpo, Psiche, Emozioni, Aura) con gli aspetti fondamentali che lo caratterizzano. Seguira’ una parte esperienzale con alcuni esercizi di percezione che permettono di avere un’idea su come la nostra Aura, il nostro campo energetico, sia percepibile in maniera semplice. Questo Metodo e’ stato creato da Roberto Mantovani e Anna Di Natale.
Conduce Loredana Calcinai facilitatrice Scuola di Lettura dell’Aura Metodo Lecopea.

E’ NECESSARIA LA PRENOTAZIONE

Info e prenotazioni

Simona tel. 347 9186722
[email protected]

Loredana tel. 366 1585386
[email protected]
www.letturadellaura.it


sitar novembre

La prima parte del concerto sarà più meditativa, al suono del Surbahar *, nella seconda si potrà ascoltare il tipico concerto di Musica Classica Indiana.

* Surbahar
La sua forma si assomiglia a quella del Sitar ma di dimensioni più grandi, la tonaltà del suono è notevolmente più bassa rispetto a quella del Sitar. Sulla parte superiore del manico, posta nel retro, solitamente è applicata una seconda cassa armonica fatta con una zucca o in legno. Nella parte finale del manico, una testa di cigno o di drago ne fanno da ornamento. Per la caratteristica del suono di questo strumento, è utilizzato per esprimere le atmosfere dei Rāga secondo lo stile d’espressione musicale tra i più antichi (Druphad). Ha come cassa armonica una grande zucca dalla forma schiacciata a differenza di quella del Sitar che è tondeggiante. Il numero delle corde sono solitamente venti delle quali sette superiori e tredici di risonanza. (http://www.krishnadas.it/ )

I MUSICISTI

Nicolas Delaigue è un musicista e docente di Sitar e musica classica dell’India del Nord (Hindustani). E’ oggi un riferimento in Europa nell’esecuzione e nell’insegnamento di questa musica. A causa del suo percorso atipico, e dopo anni di full immersion, pratica e totale dedizione a quest’arte, egli è riuscito a creare un collegamento tra l’India e l’Occidente. Vive a Lione dal 2011, ha una attività di concertista internazionale – Europa, India, Nord Africa -e si è esibito in luoghi prestigiosi come il Musée d’Orsay (Parigi), il Casinò di Monaco-Monte Carlo ( Monaco), la Maison de l’Inde (Parigi), il Festival di Musica di Seibtla (Tunisia), ma anche a Satellit ‘Café (Villerest), il Festival Planet Music (Nanterre), il Festival «Les Jeudis des Musiques du Monde »(Lione), il Festival di Musica di Richelieu, il Festival Pamparina (Thiers), l’Abbazia di Sylvanès e numerosi festival e teatri in Francia. Si è esibito anche in India in pubblici e privati ​​recital in particolare a Nashik e Kolkata.

Nicolas Delaigue ha ricevuto insegnamenti di musica Hindustani nel corso di numerosi anni dai grandi maestri del sitar (Ustad Shahid Parvez, Indrajit Banerjee, Patrick Moutal, Sugato NAG) e da questi ha creato una sintesi stilistica.

Sempre alla ricerca di nuovi orizzonti, ha realizzato o partecipato a numerose sperimentazioni sulla musica e le arti tradizionali dell’India. Ha collaborato con Ronu Majumdar e Indrajit Banerjee per la musica di “La danza del diavolo” (Gallimard, 2010). Ha creato il Duo Sanchari nel 2007 con il quale ha inciso un LP nel 2008. Egli è anche un membro della band Trio Milana. Nicolas ha esplorato come solista o in bands vari mondi musicali, come afgani Ghazals, tradizionale indiana Kathak danza, Rabridrasangit, afgano musiche strumentali, flamenco, musiche elettroniche, musica rock, musica medievale europea …).

Nicolas lavora anche in collaborazione con il mondo della fotografia e film, ed è stato accompagnatore musicale di film muti presso l’auditorium del Museo di Orsay (Parigi). La sua musica accompagna il film «Cast a Bhuta Bronze Mask» (film di J.C Plattner, Museo Rietberg- Svizzera).

Nicolas insegna il sitar e la musica indiana da circa quindici anni in strutture pubbliche, private e associative principalmente in Francia, ed è regolarmente invitato in diversi centri culturali ed educativi per masterclass, workshop, sostegno educativo, membro della giuria (Cité de la Musique – Parigi, Conservatorio nazionale superiore di Musica di Parigi, CEFEDEM Rhône-Alpes, Conservatorio di Le Grand Chalon). Titolare del Diploma di musiche tradizionali dello Stato Francese , Nicolas ha una profonda esperienza in pedagogia musicale, e insegna il sitar e la musica classica indiana per tutto l’anno a numerosi studenti di Lione, e in Clermont-Ferrand (scuola Horizon-Adema ).

**********

Nihar Mehta discende da una delle più importanti e rispettate famiglie di filosofi e musicisti di Ahmedabad. Suo bis-nonno, Sri Divan Bahadur Narmadashankar Mehta, fu un filosofo Vedanta ampiamente riconosciuto in India. Suo nonno, Sri Yashodar Mehta fu avvocato ed eminente filosofo, romanziere ed astrologo. La famiglia è e fu attiva anche nell’ambito della promozione e dell’insegnamento della musica, attraverso il rinomato istituto musicale Saptak School of Music. Saptak è un public charitable trust fondato nel 1980 da suo zio Sri Nandan Mehta. La musica ha sempre rappresentato un elemento di fondamentale importanza nella sua famiglia. Nihar Mehta iniziò lo studio delle Tabla all’età di 12 anni sotto la guida del padre, Sri Murari Mehta, competente nell’ambito di questo strumento e del Pakhawaj. Successivamente fu allievo di suo nonno Sri Nandan Mehta , presso la Saptak school of music di Ahmedabad.

Nihar Mehta, in seguito, è stato allievo di Pt. Kishan Maharaji , grande maestro dello stile Benares Gharana, che è, quindi, anche lo stile in cui si esprime lo stesso N. M. Attualmente egli è in rapporto di stretta collaborazione con la Saptak school of music e con i suoi principali maestri: suo zio Nandan Mehta, Pt. Kishan Maharaji ed il figlio di questi, Pt. Puran Maharaji .

Nihar Mehta ha ricevuto il primo premio al prestigioso Pt. Omkarnath Music competition nel 1994. Nel 1995 fu prescelto quale rappresentante del suo stato al National Youth Festival. Artista di livello definito “B High” dal 1996, egli si esibisce regolarmente ad All India Radio ed alla televisione.

Ha suonato le Tabla nella popolare opera Ji Shabnam Bibi (una produzione Sutra productions e National Institute of Design) con spettacoli tenutisi a Mumbai (Prithvi Theatre), ad Ahmedabad (Natrani Theatre) ed a Lucknow (Ganna Sansthan) nel 1999.

Nihar Mehta si è esibito suonando insieme ad artisti di primissimo piano quali Pt. Jasraj, Pt. Rajan e Pt. Sajan Mishra, Smt. Manju Mehta, Sri Krishna Mohan Bhatt, Ustad Shaukat Hussain Khan, Ustad Rafat Khan, Sri Shubhendra Rao, Purbayan Chatterjee, Kala Ramnath, Anupama Bhagwat. N.M. ha inoltre suonato in molte prestigiose manifestazioni musicali, quali: “Saptak Annual Music Festival ” “Sankalp Music Festival ” “Gujarat State Sangeet Natak Academy Music Festival ” “Gujarat State Music Festival” “Pt. Omkarnath Music Festival” “Tana Riri Music Festival” in India, oltre ad essersi esibito in Europa ed in USA: a Londra, a Parigi, a Roma, a Torino, a Nizza, a Montecarlo, nonchè al “Asian-American Heritage Festival” di Chicago, a Shaumburg (Illinois), a Millwaukee (Wisconsin), al “Bergen Contemporary Music Festival” in New Jersey. Attualmente Nihar Mehta insegna regolarmente Tabla a Torino, a Nizza e a Roma.

Nihar Mehta ha anche suonato insieme al gruppo europeo di musica fusion “Kabul Workshop” di base a Lione (Francia), in concerti Jazz a Lione, Arezzo (Italia), Bonn (Germania) e Friburgo (Svizzera).

http://www.tablaineurope.com/Nihar_it.htm

svadhistana
Bagno di Gong
Un cammino energetico attraverso i Chakra

Secondo Chakra: Svadhisthana
Sabato 11 novembre 2017 dalle 17.00 alle 18.30
Centro Studi Yoga Zenith -Corso Torino 38/2 Genova



Svadhisthana si trova molto vicino a Muladhara, con cui condivide parte della sua giurisdizione fisica e spirituale. Se Muladhara sta fra l’ano e i genitali, Svadhisthana si trova alla base del pene nell’uomo, e in corrispondenza della vagina nella donna. Per la sua vicinanza a Muladhara e agli organi sessuali, Svadhisthana è associato anche all’inconscio e alle emozioni, cioè i potentissimi motori e influenzatori della creatività e della personalità. Svadhisthana, anche per la vicinanza con i reni e gli organi sessuali, è associato all’acqua: il suo ciclo vitale e il suo ruolo nella riproduzione e la continuazione della vita. Oltre che con gli organi sessuali, questo chakra è associato anche con la lingua e il gusto, fortemente coinvolti con il piacere e la sessualità, oltre che con l’alimentazione. Ulteriori organi associati con Svadhisthana sono i testicoli per gli uomini e le ovaie per le donne. Approfondimenti sull’argomento verranno dati prima del bagno di gong. Si consiglia di portare qualcosa di arancione da indossare o da tenere a contatto con il corpo. Ciò ci consentirà’ di sfruttare anche l’energia del colore corrispondente al chakra.

Conduttrice Daniela Anzalone, naturopata e suonatrice di Gong

Info e prenotazioni
Simona 347 9186722
[email protected]

vlcsnap-2017-10-20-07h57m15s859

EMOZIONI, INTENZIONI E SENTIMENTI
DIECI INCONTRI DI MEDITAZIONE A CADENZA BIMENSILE

presso il Centro Yoga Zenith, corso Torino 38/2



In questi incontri si avrà modo di esplorare le varie tradizioni meditative e di apprezzarne il beneficio a livello fisico, mentale e spirituale. Sperimenteremo modalità a tecniche che ci permetteranno di far evolvere la nostra coscienza per gestire
le nostre emozioni. Impareremo a gestire le emozioni e le situazioni negative e a “nutrirci” di quelle positive. Esploreremo la paura, la rabbia, la frustrazione, l’ansia, ma anche la gioia, l’auto progettazione e la beatitudine.
Ogni incontro avrà la durata di circa due ore a partire dalle 19.30.
Il giorno dell’incontro sarà il martedì. Saranno due martedì al mese. Su richiesta verrà rilasciato attestato di frequenza.
Primo incontro martedì 24 ottobre. Tema del primo incontro: introduzione generale del percorso e si inizierà ad affrontare la Paura.

Calendario incontri
Ottobre – Martedì 24
Novembre – Martedì 7 – 21
Dicembre – Martedì 5 – 19
Gennaio – Martedì 13
Febbraio – Martedì 6 – 20
Marzo – Martedì 6 – 20

Vi aspettiamo numerosi
Dott.Antonio Strafella
Dott.ssa Simona Cappello

Info e prenotazioni
Simona 347 9186722
[email protected]
Centro Studi Yoga Zenith
Corso Torino 38/2
16129 Genova

YV7J0079

Da ottobre saranno attivi tutti corsi, mattino/intervallo/pomeriggio e sera (vedi orario)

Sono graditi neofiti per una lezione di prova gratuita (dietro prenotazione al 347 9186722)

Info e prenotazioni
Simona 347 9186722
[email protected]

Centro Studi Yoga Zenith
Corso Torino 38/2
16129 Genova

Bagno di Gong :

L’uomo, la Natura, l’Universo

gong prato

Connessione ed Unione

Giovedì 13 luglio ore 20.00-21.30
Via Superiore Rosata 29A
Zona Bavari (vedi mappa)

Bagno di gong , la natura si esprime al suo massimo in estate; il sole, per quanto ancora alto, inizia piano piano a scendere. Sfruttiamo questa energia e le energie della terra e del cielo per un viaggio di immersione ed unione con l’universo.

Per informazioni ed iscrizioni potete contattare
Simona 3479186722
Daniela 3299248809

Sarà necessario, per chi lo ha, portare tappetino per sdraiarsi sull’erba, antizanzare, asciugamano; se volete, un cuscino (anche di quelli da mare), abiti comodi, sarete a contatto con l’erba. Acqua. Ogni altra domanda potete farla agli organizzatori.
Grazie.