Privacy Policy Vai ai contenuti

Archivio

Tag: Gabriella Giuliari

gabry

“Il Linguaggio del Silenzio è la ricerca costante di una musica ascetica e minimalista dove i rapporti tra suono e suono, suono e silenzio si manifestano nella loro assolutezza.”

La Gabriella non solo è una bravissima insegnante di Tai Chi e Chi Kung (http://www.gabriellataiji.altervista.org), ma rivela anche le sue doti di musicista suonando con Akshan.


Prossimamente terranno due concerti, uno a Vesima e l’altro in corso Torino.

In dettaglio:

Domenica 29 novembre alle ore 18, in via Vesima 12
Concerto ad offerta libera
Per informazioni su come arrivare e sul centro che ospita il concerto:http://www.fioricolori.it/contatti/
per altre info:
347-4277925; [email protected]

Domenica 13 dicembre alle ore 17, in corso Torino 20/11
Concerto ad offerta libera
Per informazioni e contatti:
347-4277925; [email protected]

“Il Linguaggio del Silenzio”

è un concerto del polistrumentista Ashan con Gabriella Giuliari alla Tanpura.
Da una ricerca sul Suono nei suoi aspetti spirituali e terapeutici considerati come una cosa sola, nasce una musica dove la forma monodica (il dispiegarsi di una sola linea melodica) è centrale, nella convinzione che una nuda monodia può offrire una gamma infinita di vibrazioni interiori, fino alla piu’ alta spiritualità.
Il Linguaggio del Silenzio è la ricerca costante di una musica ascetica e minimalista dove i rapporti tra suono e suono, suono e silenzio si manifestano nella loro assolutezza.

Gli strumenti:
Il concerto di questa stagione è con il Dilruba come strumento solista.
Il Dilruba è uno strumento cordofono ad arco originario dell’Asia centrale, con 25 corde di risonanza e 4 corde principali suonate con l’archetto.
E’ uno strumento raro usato tradizionalmente nella musica classica dell’India del Nord.
La Tanpura che fornisce l’accompagnamento modale è un grande liuto indiano a manico lungo e cavo, con una cassa di risonanza semisferica e tastiera liscia.
Eseguiamo concerti in Italia e in Europa, principalmente in Associazioni Culturali, Centri Yoga, Teatri, Chiese ecc.

A questo link, un estratto registrato durante il concerto:
https://www.youtube.com/watch?v=V2HPKr_8Sqs

Per ulteriori informazioni, video e cd vi invitiamo a consultare il sito:http://akshanmusic.jimdo.com/

gabrytaichiAl Parco Negrotto Cambiaso di Arenzano
orario: dalle 9,30 alle 12,30
Si consiglia abbigliamento comodo
Per informazioni e contatti: [email protected] ;
Gabriella al n. 3474277925

Il Qi Gong viene praticato in Cina da migliaia di anni, con ottimi risultati nella cura e nella prevenzione delle malattie. Questa pratica fa parte della Medicina Tradizionale Cinese, e si basa su una serie di esercizi di concentrazione e di movimento, volti al raggiungimento della calma mentale all’aumento del potenziale fisico. Ogni praticante può eseguirli a seconda del proprio livello fisico ed energetico. La costanza nella pratica è un elemento fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi. La pratica del Qi Gong permette di esercitare le funzioni di concentrazione mentale, coordinazione motoria, rilassamento e contrazione muscolare, oltre allo scioglimento e rilassamento delle articolazioni; tutto ciò promuove, all’interno dell’organismo, il movimento del sangue e del “Qi”, irrorando e tonificando tessuti ed organi, ed aumentando così il livello energetico generale. Il Qi Gong che l’insegnante propone si basa su una serie di esercizi accessibili a chiunque, che ognuno praticherà a seconda delle proprie possibilità e capacità. Lo scopo è quello di assimilare i movimenti volta per volta, affinchè diventino familiari e sia possibile praticarli in modo fluido, così da poter volgere la propria attenzione, successivamente, non più alla pratica del movimento in sè ma alla direzione del pensiero. L’esercizio fisico, combinato con quello mentale, può portarci ad un miglioramento delle nostre condizioni fisiche e psichiche.

gabrytaichiNato come arte marziale, rivisitato come forma di meditazione, il Tai Chi contrasta dolore cronico

Una prima segnalazione era già giunta l’anno scorso: l’antica pratica cinese del Tai Chi può aiutare chi soffre di artrite reumatoide. Lo studio però era piccolo, riguardava solo una ventina di malati: non abbastanza per confermare che l’attività, a metà tra la ginnastica dolce e la meditazione, potesse essere davvero efficace….leggi tutto