Privacy Policy Vai ai contenuti

Archivio

Tag: Sitar

concerto Holi

Holi Festival è la tradizionale festa indù dei colori e dell’amore che segna la fine dell’inverno e l’inizio della primavera. Celebrato soprattutto in India centro-settentrionale e Nepal, il festival dura diversi giorni, durante i quali giganteschi falò, canti, balli ma soprattutto colori invadono le strade. Il festival trae origine dalla mitologia induista: la leggenda di Krishna e Radha narra che il dio supremo, geloso della bellezza e del candore della pelle dell’amata, un giorno le dipinse la faccia con dei colori. Per questo motivo l’Holi è anche la festa degli innamorati che si colorano il viso a vicenda in segno di affetto. Un carnevale di colori durante il quale crollano gli status sociali e in cui tutti, anche le autorità e i membri del governo si lasciano travolgere dai festeggiamenti.

*********

Nicolas Delaigue è un musicista e docente di Sitar e musica classica dell’India del Nord (Hindustani). E’ oggi un riferimento in Europa nell’esecuzione e nell’insegnamento di questa musica. A causa del suo percorso atipico, e dopo anni di full immersion, pratica e totale dedizione a quest’arte, egli è riuscito a creare un collegamento tra l’India e l’Occidente. Vive a Lione dal 2011, ha una attività di concertista internazionale – Europa, India, Nord Africa -e si è esibito in luoghi prestigiosi come il Musée d’Orsay (Parigi), il Casinò di Monaco-Monte Carlo ( Monaco), la Maison de l’Inde (Parigi), il Festival di Musica di Seibtla (Tunisia), ma anche a Satellit ‘Café (Villerest), il Festival Planet Music (Nanterre), il Festival «Les Jeudis des Musiques du Monde »(Lione), il Festival di Musica di Richelieu, il Festival Pamparina (Thiers), l’Abbazia di Sylvanès e numerosi festival e teatri in Francia. Si è esibito anche in India in pubblici e privati ​​recital in particolare a Nashik e Kolkata.

Nicolas Delaigue ha ricevuto insegnamenti di musica Hindustani nel corso di numerosi anni dai grandi maestri del sitar (Ustad Shahid Parvez, Indrajit Banerjee, Patrick Moutal, Sugato NAG) e da questi ha creato una sintesi stilistica.

Sempre alla ricerca di nuovi orizzonti, ha realizzato o partecipato a numerose sperimentazioni sulla musica e le arti tradizionali dell’India. Ha collaborato con Ronu Majumdar e Indrajit Banerjee per la musica di “La danza del diavolo” (Gallimard, 2010). Ha creato il Duo Sanchari nel 2007 con il quale ha inciso un LP nel 2008. Egli è anche un membro della band Trio Milana. Nicolas ha esplorato come solista o in bands vari mondi musicali, come afgani Ghazals, tradizionale indiana Kathak danza, Rabridrasangit, afgano musiche strumentali, flamenco, musiche elettroniche, musica rock, musica medievale europea …).

Nicolas lavora anche in collaborazione con il mondo della fotografia e film, ed è stato accompagnatore musicale di film muti presso l’auditorium del Museo di Orsay (Parigi). La sua musica accompagna il film «Cast a Bhuta Bronze Mask» (film di J.C Plattner, Museo Rietberg- Svizzera).

Nicolas insegna il sitar e la musica indiana da circa quindici anni in strutture pubbliche, private e associative principalmente in Francia, ed è regolarmente invitato in diversi centri culturali ed educativi per masterclass, workshop, sostegno educativo, membro della giuria (Cité de la Musique – Parigi, Conservatorio nazionale superiore di Musica di Parigi, CEFEDEM Rhône-Alpes, Conservatorio di Le Grand Chalon). Titolare del Diploma di musiche tradizionali dello Stato Francese , Nicolas ha una profonda esperienza in pedagogia musicale, e insegna il sitar e la musica classica indiana per tutto l’anno a numerosi studenti di Lione, e in Clermont-Ferrand (scuola Horizon-Adema ).

**********

Nihar Mehta discende da una delle più importanti e rispettate famiglie di filosofi e musicisti di Ahmedabad. Suo bis-nonno, Sri Divan Bahadur Narmadashankar Mehta, fu un filosofo Vedanta ampiamente riconosciuto in India. Suo nonno, Sri Yashodar Mehta fu avvocato ed eminente filosofo, romanziere ed astrologo. La famiglia è e fu attiva anche nell’ambito della promozione e dell’insegnamento della musica, attraverso il rinomato istituto musicale Saptak School of Music. Saptak è un public charitable trust fondato nel 1980 da suo zio Sri Nandan Mehta. La musica ha sempre rappresentato un elemento di fondamentale importanza nella sua famiglia. Nihar Mehta iniziò lo studio delle Tabla all’età di 12 anni sotto la guida del padre, Sri Murari Mehta, competente nell’ambito di questo strumento e del Pakhawaj. Successivamente fu allievo di suo nonno Sri Nandan Mehta , presso la Saptak school of music di Ahmedabad.

Nihar Mehta, in seguito, è stato allievo di Pt. Kishan Maharaji , grande maestro dello stile Benares Gharana, che è, quindi, anche lo stile in cui si esprime lo stesso N. M. Attualmente egli è in rapporto di stretta collaborazione con la Saptak school of music e con i suoi principali maestri: suo zio Nandan Mehta, Pt. Kishan Maharaji ed il figlio di questi, Pt. Puran Maharaji .

Nihar Mehta ha ricevuto il primo premio al prestigioso Pt. Omkarnath Music competition nel 1994. Nel 1995 fu prescelto quale rappresentante del suo stato al National Youth Festival. Artista di livello definito “B High” dal 1996, egli si esibisce regolarmente ad All India Radio ed alla televisione.

Ha suonato le Tabla nella popolare opera Ji Shabnam Bibi (una produzione Sutra productions e National Institute of Design) con spettacoli tenutisi a Mumbai (Prithvi Theatre), ad Ahmedabad (Natrani Theatre) ed a Lucknow (Ganna Sansthan) nel 1999.

Nihar Mehta si è esibito suonando insieme ad artisti di primissimo piano quali Pt. Jasraj, Pt. Rajan e Pt. Sajan Mishra, Smt. Manju Mehta, Sri Krishna Mohan Bhatt, Ustad Shaukat Hussain Khan, Ustad Rafat Khan, Sri Shubhendra Rao, Purbayan Chatterjee, Kala Ramnath, Anupama Bhagwat. N.M. ha inoltre suonato in molte prestigiose manifestazioni musicali, quali: “Saptak Annual Music Festival ” “Sankalp Music Festival ” “Gujarat State Sangeet Natak Academy Music Festival ” “Gujarat State Music Festival” “Pt. Omkarnath Music Festival” “Tana Riri Music Festival” in India, oltre ad essersi esibito in Europa ed in USA: a Londra, a Parigi, a Roma, a Torino, a Nizza, a Montecarlo, nonchè al “Asian-American Heritage Festival” di Chicago, a Shaumburg (Illinois), a Millwaukee (Wisconsin), al “Bergen Contemporary Music Festival” in New Jersey. Attualmente Nihar Mehta insegna regolarmente Tabla a Torino, a Nizza e a Roma.

Nihar Mehta ha anche suonato insieme al gruppo europeo di musica fusion “Kabul Workshop” di base a Lione (Francia), in concerti Jazz a Lione, Arezzo (Italia), Bonn (Germania) e Friburgo (Svizzera).

http://www.tablaineurope.com/Nihar_it.htm

“RASA”, CONCERTO  MUSICA CLASSICA INDIANA
Giovedi 24 Novembre, ore 21:15
con
Nicolas Delaigue – Sitar ( Lyon, Francia)
Nihar Mehta – Tabla ( Nizza, Francia)

Centro Studi Yoga Zenith
Corso Torino 38/2
GENOVA

Info & Prenotazioni :

affiche zenith genova
“RASA” è il primo CD di Nicolas Delaigue & Nihar Mehta insieme  . Il loro primo incontro è stato sul palco pochi minuti prima di un concerto a Lione in circostanze molto inaspettate. In pochi minuti hanno trovato una grande complicità musicale tra di loro e da allora hanno fatto più di 20 concerti in Francia. Questo CD è stato registrato nel maggio 2015, contiene diversi Ragas che rappresentano i vari stati d’animo ed emozioni e, pertanto, hanno deciso di dare l’antico nome sanscrito ‘RASA’ che significa estetica. Rasa nella concezione estetica artistica denota uno stato mentale essenziale e l’emozione dominante di un opera d’arte o il sentimento principale che viene evocato nella persona che ne fruisce. Il termine rasa indica anche un piacevole stato sentimentale, reso ‘gustoso’ dalla combinazione di diverse emozioni.
cd
Nicolas Delaigue è un musicista e docente di Sitar e musica classica dell’India del Nord (Hindustani). E’ oggi un riferimento in Europa nell’esecuzione e nell’insegnamento di questa musica. A causa del suo percorso atipico, e dopo anni di full immersion, pratica e totale dedizione a quest’arte, egli è riuscito a creare un collegamento tra l’India e l’Occidente. Vive a Lione dal 2011, ha una attività di concertista internazionale – Europa, India, Nord Africa -e si è esibito in luoghi prestigiosi come il Musée d’Orsay (Parigi), il Casinò di Monaco-Monte Carlo ( Monaco), la Maison de l’Inde (Parigi), il Festival di Musica di Seibtla (Tunisia), ma anche a Satellit ‘Café (Villerest), il Festival Planet Music (Nanterre), il Festival «Les Jeudis des Musiques du Monde »(Lione), il Festival di Musica di Richelieu, il Festival Pamparina (Thiers), l’Abbazia di Sylvanès e numerosi festival e teatri in Francia. Si è esibito anche in India in pubblici e privati ​​recital in particolare a Nashik e Kolkata.

Nicolas Delaigue ha ricevuto insegnamenti di musica Hindustani nel corso di numerosi anni dai grandi maestri del sitar (Ustad Shahid Parvez, Indrajit Banerjee, Patrick Moutal, Sugato NAG) e da questi ha creato una sintesi stilistica.
Sempre alla ricerca di nuovi orizzonti, ha realizzato o partecipato a numerose sperimentazioni sulla musica e le arti tradizionali dell’India. Ha collaborato con Ronu Majumdar e Indrajit Banerjee per la musica di “La danza del diavolo” (Gallimard, 2010). Ha creato il Duo Sanchari nel 2007 con il quale ha inciso un LP nel 2008. Egli è anche un membro della band Trio Milana. Nicolas ha esplorato come solista o in bands vari mondi musicali, come afgani Ghazals, tradizionale indiana Kathak danza, Rabridrasangit, afgano musiche strumentali, flamenco, musiche elettroniche, musica rock, musica medievale europea …).
Nicolas lavora anche in collaborazione con il mondo della fotografia e film, ed è stato accompagnatore musicale di film muti presso l’auditorium del Museo di Orsay (Parigi). La sua musica accompagna il film «Cast a Bhuta Bronze Mask» (film di J.C Plattner, Museo Rietberg- Svizzera).
Nicolas insegna il sitar e la musica indiana da circa quindici anni in strutture pubbliche, private e associative principalmente in Francia, ed è regolarmente invitato in diversi centri culturali ed educativi per masterclass, workshop, sostegno educativo, membro della giuria (Cité de la Musique – Parigi, Conservatorio nazionale superiore di Musica di Parigi, CEFEDEM Rhône-Alpes, Conservatorio di Le Grand Chalon). Titolare del Diploma di musiche tradizionali dello Stato Francese , Nicolas ha una profonda esperienza in pedagogia musicale, e insegna il sitar e la musica classica indiana per tutto l’anno a numerosi studenti di Lione, e in Clermont-Ferrand (scuola Horizon-Adema ).

Nihar Mehta discende da una delle più importanti e rispettate famiglie di filosofi e musicisti di Ahmedabad. Suo bis-nonno, Sri Divan Bahadur Narmadashankar Mehta, fu un filosofo Vedanta ampiamente riconosciuto in India. Suo nonno, Sri Yashodar Mehta fu avvocato ed eminente filosofo, romanziere ed astrologo. La famiglia è e fu attiva anche nell’ambito della promozione e dell’insegnamento della musica, attraverso il rinomato istituto musicale Saptak School of Music. Saptak è un public charitable trust fondato nel 1980 da suo zio Sri Nandan Mehta. La musica ha sempre rappresentato un elemento di fondamentale importanza nella sua famiglia. Nihar Mehta iniziò lo studio delle Tabla all’età di 12 anni sotto la guida del padre, Sri Murari Mehta, competente nell’ambito di questo strumento e del Pakhawaj. Successivamente fu allievo di suo nonno Sri Nandan Mehta , presso la Saptak school of music di Ahmedabad.
Nihar Mehta, in seguito, è stato allievo di Pt. Kishan Maharaji , grande maestro dello stile Benares Gharana, che è, quindi, anche lo stile in cui si esprime lo stesso N. M. Attualmente egli è in rapporto di stretta collaborazione con la Saptak school of music e con i suoi principali maestri: suo zio Nandan Mehta, Pt. Kishan Maharaji ed il figlio di questi, Pt. Puran Maharaji .
Nihar Mehta ha ricevuto il primo premio al prestigioso Pt. Omkarnath Music competition nel 1994. Nel 1995 fu prescelto quale rappresentante del suo stato al National Youth Festival. Artista di livello definito “B High” dal 1996, egli si esibisce regolarmente ad All India Radio ed alla televisione.
Ha suonato le Tabla nella popolare opera Ji Shabnam Bibi (una produzione Sutra productions e National Institute of Design) con spettacoli tenutisi a Mumbai (Prithvi Theatre), ad Ahmedabad (Natrani Theatre) ed a Lucknow (Ganna Sansthan) nel 1999.
Nihar Mehta si è esibito suonando insieme ad artisti di primissimo piano quali Pt. Jasraj, Pt. Rajan e Pt. Sajan Mishra, Smt. Manju Mehta, Sri Krishna Mohan Bhatt, Ustad Shaukat Hussain Khan, Ustad Rafat Khan, Sri Shubhendra Rao, Purbayan Chatterjee, Kala Ramnath, Anupama Bhagwat. N.M. ha inoltre suonato in molte prestigiose manifestazioni musicali, quali: “Saptak Annual Music Festival ” “Sankalp Music Festival ” “Gujarat State Sangeet Natak Academy Music Festival ” “Gujarat State Music Festival” “Pt. Omkarnath Music Festival” “Tana Riri Music Festival” in India, oltre ad essersi esibito in Europa ed in USA: a Londra, a Parigi, a Roma, a Torino, a Nizza, a Montecarlo, nonchè al “Asian-American Heritage Festival” di Chicago, a Shaumburg (Illinois), a Millwaukee (Wisconsin), al “Bergen Contemporary Music Festival” in New Jersey. Attualmente Nihar Mehta insegna regolarmente Tabla a Torino, a Nizza e a Roma.
Nihar Mehta ha anche suonato insieme al gruppo europeo di musica fusion “Kabul Workshop” di base a Lione (Francia), in concerti Jazz a Lione, Arezzo (Italia), Bonn (Germania) e Friburgo (Svizzera).

http://www.tablaineurope.com/Nihar_it.htm


Concerto di Musica Classica Indiana.
Per la prima volta a Genova due Musicisti di fama internazionale!

Immagine locandina

Giovedì 26 maggio 2016 ore 21:15
Centro Yoga Zenith
Corso Torino 38/2 Genova

Imran Khan

Imran Khan è esponente della nona generazione di una delle più importanti famiglie di musicisti del nord India. Originari del Rajasthan i membri di questa prestigiosa famiglia hanno lasciato un marchio indelebile nella tradizione musicale indiana, primo fra tutti il leggendario maestro di sarangi Sultan Khan. La formazione musicale di Imran è avvenuta come da tradizione all’interno della propria famiglia ed ha beneficiato del prezioso insegnamento dello zio Sultan Khan, con cui fin da giovanissimo ha condiviso il palco in numerose performances. Ha tenuto il suo primo concerto come solista all’età di 12 anni all’interno del festival per i giovani della ‘All India Radio’ e da allora ha preso parte alle principali rassegne musicali in India e all’estero, effettuando trasferte in Europa e Sud Est Asiatico. Attraverso anni di intenso lavoro e dedizione ha sviluppato uno stile unico che si contraddistingue per il senso altamente raffinato di sur e laya (melodia e ritmo). Nel corso della sua carriera ha partecipato a numerosi concerti insieme ad alcuni tra i più autorevoli artisti classici indiani (Rashid Khan, Kathak dancer Pt. BirjuMaharaj, ShankerMahadevan, Talat Aziz, Richa Sharma, Madhushree Bhattacharya, Karsh Kale, Salim-Sulaiman Merchant) nonchè a musicisti occidentali di fama internazionale (quali Woodnote, Bernard Mergarit, Henning Petriet, Eva Lazarus). Oltre al repertorio classico Imran eccelle anche nella musica leggera, semi-classica e nella fusion. Ha realizzato alcune importanti incisioni discografiche, tra cui ‘Legacy’ dedicata allo zio recentemente scomparso, Maestro Sultan Khan.
http://www.centromanipura.it/musica.html

Nihar Mehta

Nihar Mehta discende da una delle più importanti e rispettate famiglie di filosofi e musicisti di Ahmedabad. Suo bis-nonno, Sri Divan Bahadur Narmadashankar Mehta, fu un filosofo Vedanta ampiamente riconosciuto in India. Suo nonno, Sri Yashodar Mehta fu avvocato ed eminente filosofo, romanziere ed astrologo. La famiglia è e fu attiva anche nell’ambito della promozione e dell’insegnamento della musica, attraverso il rinomato istituto musicale Saptak School of Music. Saptak è un public charitable trust fondato nel 1980 da suo zio Sri Nandan Mehta. La musica ha sempre rappresentato un elemento di fondamentale importanza nella sua famiglia. Nihar Mehta iniziò lo studio delle Tabla all’età di 12 anni sotto la guida del padre, Sri Murari Mehta, competente nell’ambito di questo strumento e del Pakhawaj. Successivamente fu allievo di suo nonno Sri Nandan Mehta , presso la Saptak school of music di Ahmedabad.
Nihar Mehta, in seguito, è stato allievo di Pt. Kishan Maharaji , grande maestro dello stile Benares Gharana, che è, quindi, anche lo stile in cui si esprime lo stesso N. M. Attualmente egli è in rapporto di stretta collaborazione con la Saptak school of music e con i suoi principali maestri: suo zio Nandan Mehta, Pt. Kishan Maharaji ed il figlio di questi, Pt. Puran Maharaji .
Nihar Mehta ha ricevuto il primo premio al prestigioso Pt. Omkarnath Music competition nel 1994. Nel 1995 fu prescelto quale rappresentante del suo stato al National Youth Festival.  Artista di livello definito “B High” dal 1996, egli si esibisce regolarmente ad All India Radio ed alla televisione.
Ha suonato le Tabla nella popolare opera Ji Shabnam Bibi (una produzione Sutra productions e National Institute of Design) con spettacoli tenutisi a Mumbai (Prithvi Theatre), ad Ahmedabad (Natrani Theatre) ed a Lucknow (Ganna Sansthan) nel 1999.
Nihar Mehta si è esibito suonando insieme ad artisti di primissimo piano quali Pt. Jasraj, Pt. Rajan e Pt. Sajan Mishra, Smt. Manju Mehta, Sri Krishna Mohan Bhatt, Ustad Shaukat Hussain Khan, Ustad Rafat Khan, Sri Shubhendra Rao, Purbayan Chatterjee, Kala Ramnath, Anupama Bhagwat. N.M. ha inoltre suonato in molte prestigiose manifestazioni musicali, quali: “Saptak Annual Music Festival ” “Sankalp Music Festival ” “Gujarat State Sangeet Natak Academy Music Festival ” “Gujarat State Music Festival” “Pt. Omkarnath Music Festival” “Tana Riri Music Festival” in India, oltre ad essersi esibito in Europa ed in USA: a Londra, a Parigi, a Roma, a Torino, a Nizza, a Montecarlo, nonchè al “Asian-American Heritage Festival” di Chicago, a Shaumburg (Illinois), a Millwaukee (Wisconsin), al “Bergen Contemporary Music Festival” in New Jersey. Attualmente Nihar Mehta insegna regolarmente Tabla a Torino, a Nizza e a Roma.
Nihar Mehta ha anche suonato insieme al gruppo europeo di musica fusion “Kabul Workshop” di base a Lione (Francia), in concerti Jazz a Lione, Arezzo (Italia), Bonn (Germania) e Friburgo (Svizzera).
http://www.tablaineurope.com/Nihar_it.htm

Locandina2

L’Om è il mantra (vibrazione energetica che libera la mente) più sacro e rappresentativo della religione induista. È considerato il suono primordiale che ha dato origine alla creazione. Rappresenta la sintesi e l’essenza di ogni mantra. Proprio per questo viene recitato in apertura di molti altri mantra. La sillaba OM è un suono che racchiude in se tutti i suoni,esso li comprende come il seme comprende in se tutta la pianta. È la voce del Divino,il suono e la vibrazione di tutti gli elementi del creato. Immergiamoci nella calda energia dell’Om
Con Simona Cappello ed Emanuele Milletti.
L’Om è il mantra (vibrazione energetica che libera la mente) più sacro e rappresentativo della religione induista. È considerato il suono primordiale che ha dato origine alla creazione. Rappresenta la sintesi e l’essenza di ogni mantra. Proprio per questo viene recitato in apertura di molti altri mantra. La sillaba OM è un suono che racchiude in se tutti i suoni,esso li comprende come il seme comprende in se tutta la pianta. È la voce del Divino,il suono e la vibrazione di tutti gli elementi del creato. Immergiamoci nella calda energia dell’Om
Con Simona Cappello ed Emanuele Milletti.
L’ansia, questa (s)conosciuta
Un cammino verso la gestione dell’ansia attraverso un lavoro sulla stabilità,l’equilibrio e la fiducia in se stessi.
Venerdi 14 novembre dalle 19.00 alle 20.30 c/o Centro Yoga Zenith Genova
Lo scopo dell’incontro è quello di imparare a gestire l’ansia,uno stato psichico caratterizzato da una sensazione di paura e di preoccupazione più o meno motivata,più o meno intensa e duratura e purtroppo fonte di stress e insicurezza nelle persone che la vivono.
Verranno eseguiti scioglimenti e posizioni yoga volti al rafforzamento e flessibilità del proprio corpo e di conseguenza della propria mente. Più ci si rafforza nel fisico più ci si sente stabili e sicuri tanto che le situazioni difficili da affrontare giorno dopo giorno,con il tempo verranno viste in una prospettiva diversa.
Verranno poi eseguite altre tecniche di gruppo ancora finalizzate alla conquista della radicatezza della stabilità,della stima e fiducia in se stessi. E poi tecniche di rilassamento e di ascolto.
L’incontro sarà accompagnato dal suono del sitar (strumento a corde tradizionale indiano) di Emanuele Milletti. Il suono e le sue vibrazioni ci aiuteranno a lasciare andare le tensioni inutili,a lasciare andare problemi e ansia,ad ascoltarci nel profondo.
Vi aspettiamo
Conduttrice Simona Cappello
Al sitar Emanuele Milletti
Per info e prenotazioni: Centro Studi Yoga Zenith
corso Torino 38/2 cell 347 9186722

L’ansia, questa (s)conosciuta

simositar

Un cammino verso la gestione dell’ansia attraverso un lavoro
sulla stabilità, l’equilibrio e la fiducia in se stessi.

**********
Venerdi 14 novembre dalle 19.00 alle 20.30 c/o Centro Yoga Zenith Genova

**********

Lo scopo dell’incontro è quello di imparare a gestire l’ansia,uno stato psichico caratterizzato da una sensazione di paura e di preoccupazione più o meno motivata,più o meno intensa e duratura e purtroppo fonte di stress e insicurezza nelle persone che la vivono.
Verranno eseguiti scioglimenti e posizioni yoga volti al rafforzamento e flessibilità del proprio corpo e di conseguenza della propria mente. Più ci si rafforza nel fisico più ci si sente stabili e sicuri tanto che le situazioni difficili da affrontare giorno dopo giorno,con il tempo verranno viste in una prospettiva diversa.
Verranno poi eseguite altre tecniche di gruppo ancora finalizzate alla conquista della radicatezza della stabilità,della stima e fiducia in se stessi. E poi tecniche di rilassamento e di ascolto.
L’incontro sarà accompagnato dal suono del sitar (strumento a corde tradizionale indiano) di Emanuele Milletti. Il suono e le sue vibrazioni ci aiuteranno a lasciare andare le tensioni inutili,a lasciare andare problemi e ansia,ad ascoltarci nel profondo.
Vi aspettiamo
**********
Conduttrice Simona Cappello
Al sitar Emanuele Milletti
**********
Per info e prenotazioni: Centro Studi Yoga Zenith
corso Torino 38/2 cell 347 9186722
Dal fuoco prorompente alla freschezza dell’acqua
Come imparare a gestire e superare la rabbia
Martedi’ 28 gennaio dalle 19 alle 20,30
Incontro finalizzato alla percezione e all’ ascolto dell’ emozione negativa che genera la rabbia e al
lavoro a livello energetico per affievolirla , gestirla ed eliminarla.
Verranno usate tecniche di automassaggio per far fluire e sbloccare tutto cio’ che la paura inibisce
( respiro , emozioni , ecc. ) in modo da sentirsi meglio ed affrontare in modo diverso il rapporto con gli altri.
La rabbia nasce dal fegato , dal plesso solare sede dell’ elemento fuoco.
Nasce da esso e lo alimenta.
Verranno cosi’ poi eseguite posizioni yoga incentrate sull’ elemento acqua,  che il fuoco spegne.
Il lavoro sull’ acqua aiuta alla comprensione ad adattarci , rilassarci , lasciarci andare , lasciare scorrere tutto cio’ che puo’ essere causa di rabbia.
Verranno poi eseguite altre tecniche di gruppo per rinforzare la propria personalita’ , la capacita’ di autocontrollo , la sicurezza in se stessi.
Il tutto sempre finalizzato a sminuire tutto cio’ che nel quotidiano puo’ provocare rabbia.
L’ incontro sara’ accompagnato dalle note del Sitar ( strumento a corde tradizionale indiano ) di Emanuele Milletti.
Le vibrazioni del suono entreranno dentro di noi per migliorare la nostra energia , il nostro sentire , il nostro rilassamento.
Un esperienza da non perdere !!!
Conduttrice : Simona  Cappello
Al Sitar : Emanuele Milletti
Centro Studi Yoga Zenith – C.so Torino 38 / 2 Genova – cell. 347 9186722
Dal fuoco prorompente alla freschezza dell’acqua
milnote
Come imparare a gestire e superare la rabbia
Martedi’ 28 gennaio dalle 19 alle 20,30

**********

Incontro finalizzato alla percezione e all’ ascolto dell’ emozione negativa che genera la rabbia e al lavoro a livello energetico per affievolirla , gestirla ed eliminarla.
Verranno usate tecniche di automassaggio per far fluire e sbloccare tutto cio’ che la paura inibisce ( respiro , emozioni , ecc. ) in modo da sentirsi meglio ed affrontare in modo diverso il rapporto con gli altri.
La rabbia nasce dal fegato , dal plesso solare sede dell’ elemento fuoco.
Nasce da esso e lo alimenta.
Verranno cosi’ poi eseguite posizioni yoga incentrate sull’ elemento acqua,  che il fuoco spegne.
Il lavoro sull’ acqua aiuta alla comprensione ad adattarci , rilassarci , lasciarci andare , lasciare scorrere tutto cio’ che puo’ essere causa di rabbia.
Verranno poi eseguite altre tecniche di gruppo per rinforzare la propria personalita’ , la capacita’ di autocontrollo , la sicurezza in se stessi.
Il tutto sempre finalizzato a sminuire tutto cio’ che nel quotidiano puo’ provocare rabbia.
L’ incontro sara’ accompagnato dalle note del Sitar ( strumento a corde tradizionale indiano ) di Emanuele Milletti.
Le vibrazioni del suono entreranno dentro di noi per migliorare la nostra energia , il nostro sentire , il nostro rilassamento.
Un esperienza da non perdere !!!
Conduttrice : Simona  Cappello
Al Sitar : Emanuele Milletti
Centro Studi Yoga Zenith – C.so Torino 38 / 2 Genova – cell. 347 9186722
chakra
Stabilità ed equilibrio per il superamento della paura
Venerdì 22 novembre dalle 19.00 alle 20.30
Questo incontro è mirato all’ascolto di se stessi, all’acquisizione di consapevolezza per il superamento della paura. Verranno usate tecniche di automassaggio per far fluire le energie bloccate, e quindi stare meglio; alcune posizioni yoga per conquistare stabilità, forza interiore e coraggio; altre tecniche per imparare ad abbandonarsi, affidarsi e superare tutto ciò che tante volte lo impedisce: la paura. Paura di esprimersi, paura di fare brutte figure, di non essere all’altezza e così via.
Il tutto sarà accompagnato dalle note del Sitar (strumento a corde tradizionale indiano) mirabilmente suonato dal musicista Emanuele Milletti. Le vibrazioni del suono penetreranno dentro di noi e la pratica sarà più rilassante, energizzante e quindi più efficace.
Un’esperienza da non perdere.
Conduttrice: Dott.ssa Simona Cappello
Centro Studi Yoga
Corso Torino 38/2
Genova
Tel. 347 9186722
millettiStabilità ed equilibrio per il superamento della paura
Venerdì 22 novembre dalle 19.00 alle 20.30
***
Questo incontro è mirato all’ascolto di se stessi, all’acquisizione di consapevolezza per il superamento della paura. Verranno usate tecniche di automassaggio per far fluire le energie bloccate, e quindi stare meglio; alcune posizioni yoga per conquistare stabilità, forza interiore e coraggio; altre tecniche per imparare ad abbandonarsi, affidarsi e superare tutto ciò che tante volte lo impedisce: la paura. Paura di esprimersi, paura di fare brutte figure, di non essere all’altezza e così via.
Il tutto sarà accompagnato dalle note del Sitar (strumento a corde tradizionale indiano) mirabilmente suonato dal musicista Emanuele Milletti. Le vibrazioni del suono penetreranno dentro di noi e la pratica sarà più rilassante, energizzante e quindi più efficace.
Un’esperienza da non perdere.
***
Conduttrice: Dott.ssa Simona Cappello
Centro Studi Yoga Zenith
Corso Torino 38/2
Genova
Tel. 347 9186722
IL SUONO DELLA TERRA
Martedi’ 22 ottobre ore 19.00/20.30
incontro laboratorio sulla stabilita’,equilibrio e la conquista della sicurezza attraverso la pratica yoga. scioglimenti,posizioni,pratiche di yoga nidra al fine di risvegliare l’energia dell’elemento terra. la pratica sara’ accompagnata dalle note del sitar (antico strumento a corde indiano) mirabilmente suonato da Emanuele Miletto,che dopo studi in italia,ha approfondito la tecnica a Varanasi con un Maestro indiano
IL SUONO DELLA TERRA
Martedi’ 22 ottobre ore 19.00/20.30
***
Incontro laboratorio sulla stabilita’, equilibrio e la conquista della sicurezza attraverso la pratica yoga. Scioglimenti, posizioni, pratiche di Yoga Nidra al fine di risvegliare l’energia dell’elemento Terra.
La pratica sara’ accompagnata dalle note del sitar (antico strumento a corde indiano) mirabilmente suonato da Emanuele Milletti, che dopo studi in Italia, ha approfondito la tecnica a Varanasi con un Maestro Indiano.