E’ stato il mio Maestro. Con Lui ho praticato uno yoga ortodosso e quindi legato alla tradizione. Uno yoga completo che contemplava pratiche fisiche molto forti, tecniche di respirazione, di meditazione, lettura dei testi sacri, recitazione di mantra.

….Anche se ha deciso di non proferire più parola, il maestro “conversa” a vari livelli. Per comunicazioni semplici bastano gli sguardi, i sorrisi e i gesti; talvolta si improvvisa mimo per raccontare un aneddoto. Se invece deve narrare una parabola o instaurare un discorso più impegnativo, allora scrive su un quaderno o su una lavagna, oppure fa dei segni sul palmo della mano e i suoi scritti sono “tradotti” in lingua parlata da Satyavati, sua figlia adottiva. Quando deve insegnare una posizione la mostra personalmente. Se però ne deve spiegare un dettaglio tecnico, allora scrive. In ogni caso, se si ha la fortuna di avere un incontro individuale con lui, si scopre quanto la comunicazione non verbale sia efficace: la sua mimica e soprattutto i suoi occhi trasmettono sempre qualcosa di estremamente intenso. Anche se quindi non è possibile comunicare verbalmente, si può instaurare con lui un dialogo silenzioso, che appare ancora più profondo di quello parlato. L’onda di calore che emana è come un’avvolgente coperta dispensatrice di pace, frutto di una vita vissuta secondo i precetti dello Yoga: primo tra tutti la non violenza. I suoi consigli mirano a riportare tutto all’essenziale e alla semplicità….” da Yoga Journal

Osservate la scioltezza nei movimenti in questo video del 1993, alla veneranda età di 84 anni….

Anche se ha deciso di non proferire più parola, il maestro “conversa” a vari livelli. Per comunicazioni semplici bastano gli sguardi, i sorrisi e i gesti; talvolta si improvvisa mimo per raccontare un aneddoto. Se invece deve narrare una parabola o instaurare un discorso più impegnativo, allora scrive su un quaderno o su una lavagna, oppure fa dei segli sul palmo della mano e i suoi scritti sono “tradotti” in lingua parlata da Satyavati, sua figlia adottiva.
Quando deve insegnare una posizione la mostra personalmente. Se però ne deve spiegare un dettaglio tecnico, allora scrive. In ogni caso, se si ha la fortuna di avere un incontro individuale con lui, si scopre quanto la comunicazione non verbale sia efficace: la sua mimica e soprattutto i suoi occhi tasmettono sempre qualcosa di estremamente intenso. Anche se quindi non è possibile comunicare verbalmente, si può instaurare con lui un dialogo silenzioso, che appare ancora più profondo di quello parlato.
L’onda di calore che emana è come un’avvolgente coperta dispensatrice di pace, frutto di una vita vissuta secondo i precetti dello Yoga: primo tra tutti la non violenza. I suoi consigli mirano a riportare tutto all’essenziale e alla semplicità